mercoledì 21 ottobre 2020

{Review Party} Le Diecimila Porte di January


Buongiorno, miei cari svelatori di specchi!
Nelle ultime settimane il blog si è popolato di collaborazioni, review party e blog tour, questo perché ho iniziato a collaborare più a stretto contatto con altri blogger (accidenti a Facebook e Instagram) e le CE hanno pensato bene di far uscire adesso tantissimi libri iper-mega-super interessanti.
Dopo la batosta de La guerra dei papaveri (qui trovate la mia recensione della scorsa settimana), mi sono rifatti gli occhi grazie a Le Diecimila Porte di January.
Prima di proseguire ci tengo a ringraziare Nia per avermi coinvolta nell'iniziativa insieme alle altre ragazze e la CE per avermi permesso di leggere in anteprima il libro.

Titolo: Le Diecimila Porte di January
Autore: Alix E. Harrow
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2020
Casa editrice: Mondadori
Collana: Fantastica
Genere: Fantasy
Pagine: 396
Prezzo: 20.00€
Quarta di copertina: Estate 1901. Un’antica dimora nel Vermont, piena di cose preziose e sorprendenti. La più peculiare è forse January Scaller, che vive nella casa sotto la tutela del facoltoso signor Locke. Peculiare e atipica, almeno, è come si sente lei: al pari dei vari manufatti che decorano la magione è infatti ben custodita, ampiamente ignorata, e soprattutto fuori posto.
Suo padre lavora per Locke, va in giro per il mondo a raccogliere oggetti “di un valore singolare e unico”, e per lunghi mesi la ragazzina rimane nella villa ridondante di reperti e stranezze, facendo impazzire le bambinaie e, soprattutto, rifugiandosi nelle storie. È così che, a sette anni, January trova una porta. Anzi, una Porta, attraverso cui si accede a mondi incantati che profumano di sabbia, di antico e di avventura. Sciocchezze da bambini. Fantasie assurde, le dicono gli adulti. E January si impegna con tutta se stessa per rinunciare a quei sogni di mari d’argento e città tinte di bianco. Per diventare grande, insomma.
Fino al giorno in cui, ormai adolescente, non trova uno strano libriccino rilegato in pelle, con gli angoli consumati e il titolo stampigliato in oro semiconsunto: LE DIECIM POR. Un libro che ha l’aroma di cannella e carbone, catacombe e terra argillosa. E che porta il conforto di storie meravigliose nel momento in cui January viene a sapere che il padre è disperso da mesi. Probabilmente morto. Così la ragazza si tuffa in quella lettura che riaccende il turbine di sogni irrealizzabili. Ma lo sono davvero? Forse basta avere il coraggio di inseguirli, quei sogni, per farli diventare realtà. Perché pagina dopo pagina January si accorge che la vicenda narrata sembra essere indissolubilmente legata a lei
Voto: 

Era da Il porto proibito che non leggevo qualcosa di simile, così coinvolgente e toccante. E credo sarà molto difficile riuscire a trovare le parole giuste per descriverlo senza scadere negli spoiler.

Questo libro mi ha subito interessata, soprattutto dopo aver iniziato a vedere Locke & Key su Netflix, quando ho letto che uno dei personaggi aveva lo stesso nome, mi è sembrato quasi destino che io dovessi leggere questo libro.

Ma partiamo dalla protagonista: January è una ragazzina che narra la sua storia fatta di Porte che si aprono su luoghi strani e magici. Fin da piccola non capisce molto bene cosa sia lo strano potere che possiede, quello di riuscire ad aprire le Porte, lo associa più che altro all'influenza che i romanzi a puntate che legge su alcune riviste hanno sulla sua mente e la sua immaginazione.
Vive col signor Locke mentre suo padre è sempre in viaggio per quest'ultimo. Per lei il signor Locke è una sorta di padre adottivo, benestante, che non le fa mancare nulla, da un'educazione di prim'ordine a una bambinaia perennemente alle calcagna.
January viaggia molto con Locke e questo le fa scoprire innumerevoli città e, in una di queste, a 7 anni scopre una Porta azzurra che la porta in uno strano mondo, tutto rocce e mare.
Così ha inizio la sua avventura e la sua ricerca di verità, che man mano, mentre cresce, diventa sempre più vicina e a portata di mano.

Ho trovato il personaggio di January molto ben caratterizzato, racconta tutto in prima persona, quindi entriamo nei suoi pensieri, nelle sue paure, nella sua vita passo passo.
Devo dire che a differenza di altre protagoniste mi è piaciuta molto, perché c'è una reale crescita (non solo di età) e una maturazione. Pian piano capisce cosa vuole, capisce che ci sono persone buone (Jane e Samuel in primis) e cattive (tutto il contorno di amici del signor Locke), ma soprattutto scopre quale sia la sua vera vita, chi siano i suoi genitori e perché lei si ritrova bloccata nel Vermont e con signor Locke.

Anche i personaggi umani e non che affiancano January sono davvero ben caratterizzati, ricchi di sfaccettature e viaggiano con maestria nel mezzo tra il bianco e il nero, anche se qualcuno tende un bel po' al nero.
Samuel è senz'altro il personaggio maschile che mi ha colpita di più, quello che fin da piccolo si è preoccupato per January e le ha regalato Bad, un bel cagnolone, per farla sentire meno sola, perché la vedeva così isolata e insicura. È quello che la segue senza timore alcuno e che si fida ciecamente di lei e Jane.
Forse non è il tipico ragazzo tutto muscoli che si legge in altri romance (qui è davvero lieve la parte romantica, ma molto funzionale), ma non si può fare a meno di parteggiare per lui.

La struttura del libro è davvero particolare: ogni capitolo è dedicato a una Porta, aperta da January o dai qualcun altro, perché all'interno di alcuni capitoli è riportato un altro libro con un'altra storia che fa da sfondo e da filo conduttore con tutto ciò che succede ed è successo a January.
Devo essere sincera, per me questo libro nel libro poteva essere un po' più corto, perché mi ha appesantito un po' la lettura, anche se ciò che leggevo mi coinvolgeva davvero molto e aiutava a comprendere tutto molto meglio, facendo andare al posto giusto i pezzi del puzzle creato dall'autrice.
Ma nonostante tutto, come dicevo, mi ha convinta poco a causa della sua lunghezza.

All'interno del racconto i colpi di scena si susseguono praticamente a ogni capitolo e la povera January non può respirare un attimo. Alcuni di questi colpi di scena sono totalmente inaspettati e prendono il lettore alla sprovvista, tenendolo col fiato sospeso a leggere pagine su pagine per arrivare alla soluzione del mistero; un altro colpo di scena, invece, verso la conclusione, per essere precisi, non è stato un vero colpo di scena. Almeno non per me, che da brava lettrice di gialli aveva già immaginato il vero colpevole di tutto.
Ovviamente non avevo intuito tutti i dettagli e i particolari che January svela, ma comunque non è stata una vera e propria sorpresa. E d'altra parte era l'unica soluzione possibile.

Lo stile dell'autrice è molto interessante, fatto di molte descrizioni particolareggiate (ammetto che non mi dispiacerebbe attraversare una Porta) che aiutano il lettore a immaginarsi meglio ciò che circonda i personaggi e che avviene nella storia.
Posso assicurare che il libro, grazie proprio allo stile dell'autrice, viene letteralmente divorato, le pagine scorrono quasi senza accorgersene.
È davvero una lettura piacevole e che tocca nel profondo.

Una cosa che mi è piaciuta particolarmente è senz'altro la creazione dei vari mondi collegati tra loro dalle Porte.
L'autrice con le descrizioni vivide e dettagliate di cui sopra li fa sembrare così reali e tangibili, con personaggi strani e particolari, certo, ma estremamente realistici.
Questo è un punto in più nel mio indice di gradimento di un libro fantasy: la credibilità dell'ambiente creato dall'autrice/autore.
Tra l'altro in questo libro si può notare la cura estrema che l'autrice ci ha messo nel creare ogni singolo mondo, non c'è una cosa fuori posto e tutto è ben strutturato. Davvero un ottimo lavoro!

Penso di avervi detto tutto, ovviamente vi consiglio caldamente di leggere questo libro, perché è uno dei migliori che abbia letto quest'anno (e ormai avete visto quanti ne ho bocciati di questa collana, quindi capite bene che quando uno mi piace è un vero e proprio evento =D).
Il finale mi è parso aperto, quindi spero vivamente che l'autrice lavori a un seguito, perché voglio saperne di più della vita di January dopo... dopo e, soprattutto, voglio assolutamente tornare nei vari mondi che Julian ha visitato.

Vi lascio qui di seguito il banner con gli altri blog che partecipano al Review Party e vi suggerisco di andare a fare un giro e leggere anche le altre recensioni, oltre a visionare i post del Blog Tour.

Vi auguro come sempre buone letture e spero di non averla fatta troppo lunga e/o di non aver spoilerato troppo,
Annette.

martedì 13 ottobre 2020

{Review Party} Thunderhead


Buonasera, miei cari svelatori di specchi, quest'oggi addirittura due recensioni. Non succedeva da un po', vero?
Il libro in questione, come avrete intuito da titolo e grafiche varie, è Thunderhead, il seguito di Falce, che ho letto in agosto e che non mi aveva convinta del tutto (trovate la recensione qui).

Titolo: Thunderhead
Autore: Neal Shusterman
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2020
Casa editrice: Mondadori
Collana: Fantastica
Genere: Fantasy
Pagine: 393
Prezzo: 20.00€
Quarta di copertina: In un mondo che ha sconfitto fame, guerre e malattie, le falci decidono chi deve morire.
Tutto il resto è gestito dal Thunderhead, una potentissima intelligenza artificiale che controlla ogni aspetto della vita e della società. Tranne, appunto, la Compagnia delle falci.
Dopo il loro comune apprendistato, Citra Terranova e Rowan Damisch si sono fatti idee opposte sulla Compagnia e hanno intrapreso strade divergenti.
Da ormai un anno Rowan si è ribellato ed è fuggito, diventando una vera leggenda: Maestro Lucifero, un vigilante che mette fine alle esistenze delle falci corrotte, indegne di occupare la loro posizione di privilegio. Di lui si sussurra in tutto il continente.
Ormai divenuta Madame Anastasia, Citra è una falce anomala, le sue spigolature sono sempre guidate dalla compassione e il suo operato sfida apertamente il nuovo ordine. Ma quando i suoi metodi vengono messi in discussione e la sua stessa vita minacciata, appare evidente che non tutti sono pronti al cambiamento.
Il Thunderhead osserva tutto, e non gli piace ciò che vede. Cosa farà? Interverrà? O starà semplicemente a guardare mentre il suo mondo perfetto si disgrega?
Voto: 


Se Falce non mi aveva convinta del tutto e mi aveva messo ansia, Thunderhead è già più... convincente.
I personaggi sono gli stessi: Citra Terranova, ovvero Madame Anastasia, giovane falce dallo stile innovativo e magnanimo; Rowan Damisch, mancata falce che si diverte a terrorizzare le falci che non rispettano i principi secolari della Compagnia, ma anzi godono un mondo nell'uccidere e spigolare.
Rowan si è creato un alter ego, ovvero Maestro Lucifero, e scova le falci più radicali e le uccide per rendere giustizia alle loro vittime.
E poi ci sono Madame Curie (se ricordate è il mio personaggio preferito dal primo libro), le varie falci che compongono la Compagnia e, ultimo, ma non meno importante, il Thunderhead, colui che vede tutto e sa tutto, ma non può interferire con gli affari della Compagnia e delle falci.
Shusterman in questo nuovo libro introduce anche altri personaggi, più o meno funzionali alla trama e li fa interagire con chi già conosciamo, creando un universo ancora più sfaccettato e realistico.

A proposito dell'ambientazione, si scoprono varie cose del Texas, ma anche veniamo trasportati fino sull'isola del Cuore Duraturo (Endura), l'isola delle falci in cui si trova anche il consiglio mondiale delle Grandi Falci.
Personalmente è la parte che mi è piaciuta di più di tutto il libro, perché è dove si respira tutto il potere e l'autorità che investe le falci.
In più l'idea dell'isola a forma di occhio che non batte mai ciglio è, a mio avviso geniale, anche se mi ha richiamato un po' delle rappresentazioni di Atlantide e, forse, Shusterman si è ispirato proprio a quest'ultima per il centro del potere delle falci.

Ma veniamo al Thunderhead, quello che dovrebbe essere il vero protagonista della storia e, in fin dei conti lo è davvero.
Il Thunderhead vede tutto, sente tutto, sa tutto e ci era già stato presentato nel libro precedente, qui ogni capitolo è introdotto da una piccola pagina in cui questo grande cervello artificiale parla di sé e del perché compie determinate azioni, come è stato sviluppato e come ha fatto a diventare ciò che è.
Ovviamente ha dei limiti, è più che normale, anche se agisce sempre da cloud quasi onnipotente (anche se lui dice che non è così potente).
Tra i personaggi che vengono introdotti in questo libro, c'è quello di Greyson Tolliver, un ragazzo che parla col Thunderhead e che vuole diventare Nimbus.
La sua vita si incrocia con quella delle falci, soprattutto di Madame Anastasia e di Madame Curie, nel momento in cui viene reclutato per fare da spia e diventa un losco.
Il Thunderhead non può comunicare con le falci, ma sa del pericolo che corrono Anastasia e Marie, quindi cerca in tutti i modi di avvertirle e metterle in guardia. Greyson, quindi, ha un ruolo davvero importante all'interno della storia, anche se non sempre viene capito.

Restando sempre nell'ambito dei personaggi, qui c'è una vera e propria evoluzione di un po' tutti, soprattutto dei protagonisti, che nel primo libro erano sembrati abbastanza insipidi.
Qui, invece, si nota la loro maturazione e le scelte che fanno sono dettate da principi e ideali infusi loro dai maestri che li hanno seguiti come apprendisti, nel bene e nel male.
Devo dire che ho apprezzato molto questo sviluppo nella caratterizzazione dei singoli e rimango sempre più convinta che Madame Curie sia il mio personaggio preferito.

Se Falce era la narrazione di come avvengono le spigolature e metteva ansia solo a pensarci, Thunderhead va oltre: le spigolature sono presenti, ma non così tanto, infatti qui trovano ampio spazio i giochi di potere, i sotterfugi, lo spionaggio da più parti, l'indagine per arrivare a scoprire chi vuole uccidere chi, insomma tutti elementi che io non posso fare a meno di apprezzare.
Certo, alcuni colpi di scena possono sembrare scontati, ma è comunque interessante leggere e vedere come si evolvono le singole storie che compongono il libro in sé.

Ovviamente ci sono ancora molte cose da sistemare, dubbi da dipanare e domande a cui rispondere, quindi confido nel fatto che il terzo libro sia risolutivo di tutto (e che finalmente arrivino i quattro specchi pieni).
Intanto io vi consiglio di leggere questo libro anche e soprattutto se non avete apprezzato in toto Falce, perché vi apre un altro piccolo pezzo di mondo.
Con questa recensione ho voluto toccare solo alcuni particolari, perché il libro è davvero denso e pieno di tante altre cose, ma rischierei di spoilerare e non voglio assolutamente rovinare la lettura a nessuno.

Ringrazio anche stavolta Sofia per avermi coinvolta nel review party, ringrazio le altre compagne di viaggio e ringrazio la CE per avermi dato la possibilità di leggere Thunderhead in anteprima.

Vi ringrazio per l'attenzione, qui vi lascio i link degli altri blog che hanno partecipato al RP e spero che vorrete andare a leggere anche le loro recensioni, così da farvi un'idea a 360 gradi.

Buone letture,
Annette.

{Review Party} La guerra dei papaveri


Buongiorno, miei cari svelatori di specchi!
Settembre è stato un mese molto ricco di uscite, e ottobre sembra non essere da meno, infatti vi presento la mia recensione a un libro che ho avuto la fortuna di leggere in anteprima e che esce proprio oggi.
Si tratta di

Titolo: La guerra dei papaveri
Autore: R.F. Kuang
Data di pubblicazione: 13 ottobre 2020
Casa editrice: Mondadori
Collana: Fantastica
Genere: Fantasy
Pagine: 506
Prezzo: 22.00€
Quarta di copertina: Rin ha passato a pieni voti il kējǔ, il difficile esame con cui in tutto l’Impero vengono selezionati i giovani più talentuosi che andranno a studiare all’Accademia. Ed è stata una sorpresa per tutti: per i censori, increduli che un’orfana di guerra della provincia di potesse superarlo senza imbrogliare; per i genitori affidatari di Rin, che pensavano di poterla finalmente dare in sposa e finanziare così la loro impresa criminale; e per la stessa Rin, finalmente libera da una vita di schiavitù e disperazione. Il fatto che sia entrata alla Sinegard – la scuola militare più esclusiva del Nikan – è stato ancora più sorprendente.
Ma le sorprese non sono sempre buone.
Perché essere una contadina del Sud dalla pelle scura non è una cosa facile alla Sinegard. Presa subito di mira dai compagni, tutti provenienti dalle famiglie più in vista del Paese, Rin scopre di avere un dono letale: l’antica e semileggendaria arte sciamanica.
Man mano che indaga le proprie facoltà, grazie a un insegnante apparentemente folle e all’uso dei papaveri da oppio, Rin si rende conto che le divinità credute defunte da tempo sono invece più vive che mai, e che imparare a dominare il suo potere può significare molto più che non sopravvivere a scuola: è forse l’unico modo per salvare la sua gente, minacciata dalla Federazione di Mugen, che la sta spingendo verso il baratro di una Terza guerra dei papaveri.
Il prezzo da pagare, però, potrebbe essere davvero troppo alto.
Voto: 


Premessa: Se mi seguite da tempo, sapete che non ho peli sulla lingua e, anzi, difficilmente riesco a tacere ciò che non mi piace o non mi convince, quindi mi scuso fin da ora se la recensione a questo libro sarà "sgradita" a molti.

Come dicevo, ho avuto la fortuna di leggere questo libro in anteprima insieme ad altre tre splendide ragazze, che ringrazio per avermi coinvolta ancora una volta nel review party e nell'instagram tour (trovate le storie per la mia tappa su IG nel circolino in evidenza dedicato).
La trama del libro mi ha subito colpita, richiama un po' Mulan (il cartone, non quella roba che chiamano film più recente) e, adorando alla follia questa storia, è stato ciò che mi ha spinta verso Rin e il suo mondo.

Rin è un'orfana di guerra, vive con i genitori affidatari e fa da corriere della droga per loro, finché non decide di studiare per essere ammessa all'Accademia militare di Sinegard e di sfuggire al proprio destino già scritto di moglie.
Studia per due anni seguita da un insegnante e supera a pieni voti l'esame di ammissione, ciò le apre le porte per una vita di successo (o quasi) nella milizia di Nikan, ma ovviamente è da qui che la vita vera si presenta e fa capire che l'esame era solo il trampolino di lancio, le sfide più difficili arrivano proprio a scuola.

I primi capitoli sono volati, lo stile dell'autrice è scorrevole e immerge subito nella storia, e questo è sia un bene che un male, perché si rischia di non assaporare del tutto la vera essenza del libro.
In realtà tutto il libro è abbastanza scorrevole, peccato che ci siano dei pezzi veramente noiosi, che appesantiscono la trama, e ce ne sono altrettanti fin troppo frettolosi.
Tutta la prima parte del libro è incentrata sul primo anno di Rin a Sinegard, è giusto, però gli altri due anni sono raccontati in modo sommario, l'autrice ne fa un riassunto e spesso nel resto del racconto mi sono ritrovata a chiedermi a che anno fossimo. Di per sé non sarebbe importante, ma per me avere il quadro generale della situazione è molto importante per potermi calare meglio nella storia.

Altra cosa che mi ha dato fastidio dopo qualche capitolo è proprio la protagonista, Rin: per quanto sia forte e abbia voglia di non dipendere più dai genitori adottivi che la sfruttavano e picchiavano, per un buon 80% del libro mi sono ritrovata a pensare quanto le scelte da lei fatte fossero stupide e inadeguate, per nulla ponderate, ma dettate semplicemente da questa voglia di non essere controllata dagli altri.
Il professore di demologia le diceva cosa fosse meglio per lei, lei ovviamente faceva il contrario, perché sì, perché era figo fregarsene delle conseguenze delle proprie azioni.
Le ragazze hanno cercato di farla ragionare prima di prendere una pozione che distrugge l'utero, così da non avere più il ciclo e tutto ciò che ne consegue, ma lei no, ha preso la pozione perché il ciclo la rallentava sulla via dell'essere il soldato perfetto.
Ho trovato Rin anche piuttosto indecisa e incostante: ha sempre vissuto a contatto con drogati e simili, conoscendo perfettamente le conseguenze degli oppiacei e delle sostanze psichedeliche, si è sempre ripromessa di non utilizzare oppio e droghe in generale, salvo poi cambiare idea alla prima occasione.
Davvero, capisco tutto, ma contravvenire ai principi su cui si è basata l'intera vita, mandandoli letteralmente nel cesso, questo no.
Il resto dei personaggi è intercambiabile, infatti mi sono ritrovata spesso a pensare chi fosse chi, perché non ricordavo minimamente l'aspetto, se fosse maschio o femmina e il nome corrispondente.
Alcuni sono caratterizzati bene e spiccano sugli altri (questo perché diventano delle spalle di Rin, dai professori agli amici, ai cike), ma gli altri compagni di scuola di Rin sono completamente sconosciuti e confusi.
Mi sono ritrovata, però, a storcere il naso anche quando ho visto che alcuni personaggi assomigliavano in modo imbarazzante a quelli di altri libri (Jun assomiglia in modo spaventoso a Snape, per dire). La letteratura è vasta, me ne rendo conto, ed è più che normale che alcuni personaggi ne richiamino altri, ma qui è davvero tanto evidente la somiglianza.

La parte romance, quel poco che c'è, per fortuna, è gestita anche peggio del personaggio principale: prima prova qualcosa per Altan, poi per Nezha, poi di nuovo per Altan, poi per Kitay.
Prendere una decisione unica no, troppa fatica? Capisco che il rapporto amoroso non fosse la cosa principale (ribadisco, per fortuna) e che i sentimenti di Rin per l'uno o per l'altro vengono sempre messi in decimo piano, ma almeno non sballottare il lettore da uno all'altro sarebbe stato utile. Ok gli ormoni, ma a tutto c'è un limite, soprattutto se il cambio d'idea avviene in meno di tre pagine.
A volte mi sono chiesta se la stessa autrice per scrivere il libro abbia fatto uso di qualche sostanza, perché ci sono cose che non mi spiego e che non mi tornano.

L'unica cosa che salvo, nonostante sia truculenta e con dovizia di particolari, è la parte relativa alla guerra.
L'autrice in questo caso è stata bravissima a rendere i giochi di potere, i sentimenti provati dai vari personaggi, credo che questo sia il punto di forza dell'intero libro. Anche se tutto viene raccontato a posteriori, quindi viviamo la guerra e i combattimenti dopo che sono avvenuti (tranne rare eccezioni in cui Rin è all'interno della storia).
C'è un appunto da fare sulla questione guerra: il libro, chiaramente, è incentrato su questo e non c'è molto da obiettare, tranne il fatto che le descrizioni, anche se fatte a posteriori, sono davvero tanto – forse troppo – dettagliate, vanno a fondo nella violenza, descrivendo nei minimi particolari stupri, squartamenti, combattimenti all'ultimo sangue, ecc. Come ho detto non obietto tanto il fatto che ci siano anche queste scene, ma il fatto che vengano fatte passare per qualcosa di estremamente normale, soprattutto considerato che il libro è dedicato a una fascia d'età alquanto giovane e, anche per questo, mi sentirei di sconsigliarne la lettura.

Mi piace anche la parte relativa al Pantheon e agli dei che vengono venerati dai vari popoli che compongono l'Impero, come funziona il rapporto coi mortali e tutto il resto. È interessante come gli sciamani interagiscano con gli dei e come questi usino gli umani per i loro scopi.

Questo libro poteva essere migliore?
Certo. Non c'è dubbio che avrebbe potuto essere migliore, soprattutto per quanto concerne la protagonista.
Questo libro mi è piaciuto?
Per nulla. Mi dispiace dirlo, ma non ci siamo: l'idea di fondo che muove l'intero libro è buona, buonissima, ma l'autrice l'ha sfruttata malissimo.

Mi dispiace essere stata così critica e, in certi casi, diretta, ma è ciò che penso a fine lettura.
Ringrazio ancora una volta Sofia per avermi coinvolta nel review party e nell'instagram tour, ringrazio le altre compagne di viaggio che invece hanno adorato il libro, segno che non siamo tutte uguali per fortuna, e ringrazio la CE per avermi dato la possibilità di leggerlo in anteprima.

Vi ringrazio per l'attenzione, qui vi lascio i link degli altri blog che hanno partecipato al RP e spero che vorrete andare a leggere anche le loro recensioni, così da farvi un'idea a 360 gradi.

Buone letture,
Annette.

mercoledì 30 settembre 2020

W... W... W... Wednesdays #14.20

Iniziativa di MizB del blog Should be Reading.
Buonasera e buon mercoledì, miei cari svelatori!
Questa settimana ho iniziato le lezioni all'università e... sono giorni difficili, perché sto attaccata al computer moltissime ore. Non vedo l'ora che mi chiamino a lavorare a scuola e ritornare un po' al contatto umano.
Ma bando ai convenevoli e passiamo a un nuovo appuntamento con la rubrica W... W... W... Wednesdays.
Per chi non la conoscesse, per questa rubrica si tratta di rispondere a tre domande semplicissime:
» What are you currently reading? (Cosa stai leggendo al momento?)
» What did you recently finish reading? (Cos'hai finito di leggere di recente?)
» What do you think you’ll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?)

Ecco le mie risposte:
» Cosa stai leggendo al momento?
  
Finalmente ho preso in mano Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, così posso ufficialmente impegnarmi seriamente nello Strange Books Club (tutte le info qui).
Come al solito, poi, mi accompagnano anche i soliti La mia famiglia e altri animali, Le due Torri e Eroi. Prima o poi li finirò, ne sono sicura!

» Cos'hai finito di leggere di recente?
Questo pomeriggio, visto che non avevo lezione e volevo staccare un po' dalla vita universitaria, ho concluso la lettura di un libro che vedrete qui tra qualche settimana (ma se andate sul mio Goodreads potrete scoprire di che libro si tratta ;) ).
Inserisco qui la lettura conclusa da poco e di cui c'è la mia recensione in anteprima qui sul blog, ovvero Qui c'è tutto il mondo, graphic novel davvero carina e interessante che vi consiglio molto di leggere.

» Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

In realtà non ci sarà un solo libro che leggerò, ma spero di potermi concentrare su più libri (anche se nel fine settimana non sarò a casa e sarò concentrata su ben altro Libro): il primo è una lettura in anteprima che non vi svelo ancora, l'altro, invece, è un piccolo libro che voglio leggere da settimane, ovvero Spettacolari invenzioni, mirabolanti scoperte e altre meraviglie degne di nota. E poi c'è Romeo e Giulietta per il gdl Gli allegri lettori di Shakespeare, ma per quello ho tutto il mese di ottobre =D

E anche questo mercoledì io ho concluso.
Quali sono i vostri libri letti, da leggere e che state leggendo in questa settimana?
Buon proseguimento di settimana ;)
Annette.

giovedì 24 settembre 2020

{Blog Tour} Qui c'è tutto il mondo


Buon giovedì, cari svelatori di specchi e ben tornati nel mio blog.
Nell'ultimo periodo sto leggendo molti libri e graphic novel in anteprima e questo mi rende molto felice. Quest'oggi è il turno di una nuova uscita edita dalla Tunué, casa editrice che io ammiro molto, e ringrazio fin da ora Federica per avermi coinvolta nel progetto insieme alle altre blogger.
La graphic novel in questione è

Titolo: Qui c'è tutto il mondo
Autore: Cristiana Alicata, Filippo Paris
Data di pubblicazione: 24 settembre 2020
Casa editrice: Tunué
Collana: Ariel
Genere: Graphic novel, Formazione
Pagine: 199
Prezzo: 17.50€
Quarta di copertina: Durante l'inverno del 1984, il più freddo degli ultimi cento anni, la mamma di Anita comincia a fare cose bizzarre: si mette le scarpe spaiate, balla da sola per strada e cambia umore da un minuto all'altro.
Nel frattempo Anita prova ad adattarsi al piccolo paese di provincia dove la famiglia si è appena trasferita dal sud dell'Italia e si ritrova a combattere le stranezze della mamma con due alleate diversissime tra loro: Tina, un maschiaccio come lei con cui Anita gioca a pallone e fa la pipì in piedi ed Elena che la rifornisce di acqua di Lourdes. Finché un giorno non decidono di scappare dall'incomprensibile mondo degli adulti.
La storia di un'amicizia e di emozioni che non hanno ancora un nome.
Voto: 


Devo essere sincera, non so bene da dove cominciare a fare la recensione di questa graphic novel, perché sto ancora metabolizzando un po' ciò che ho letto.
Intanto vi posso dire che mi è piaciuta molto e che aspetto un seguito, perché il finale, a mio parere, lascia un po' di cose in sospeso.

Il racconto è dolcissimo, dal punto di vista di Anita, che vive la propria vita di bambina strappata dal sud e trapiantata al nord, in un paesino del bergamasco, e cerca di far fronte ai primi piccoli grandi problemi di ogni bambino, anche se qui se ne aggiunge qualcuno che coinvolge tutti ed è ben più importante.
La storia è ambientata tra il 1984, quando c'è stato il più rigido inverno registrato nel '900, e il 1985: la mamma di Anita inizia ad avere dei comportamenti molto strani, a cambiare umore e a prendersela anche con lei perché vede negli altri uno dei mostri dell'Enciclopedia della Fiaba della figlia.
Anita si preoccupa e inizia ad aprirsi con due amichette, Tina ed Elena, che cercano di confortarla e darle qualche soluzione alternativa per risolvere i problemi.

All'interno della graphic novel vengono affrontati temi diversi, quali l'amicizia profonda che può esserci tra bambini, il non sentirsi del tutto accettati per ciò che si è, la depressione e i vari problemi psicologici che possono colpire chiunque e in qualunque momento della vita.

Anita non si sente femmina, il che è perfettamente normale a quell'età, quando si cerca di capire cosa piace realmente e quale sia la strada che si vuole intraprendere da grandi (quando Tina le chiede cosa vuole fare da grande, lei risponde con "Voglio essere come il mio papà, perché lui è più bello della mamma", per esempio).
Questo al giorno d'oggi viene spesso confuso con la ricerca della propria identità di genere, anche se non è così, ma è semplicemente un passaggio nella vita di ognuno di noi. Non fraintendetemi, non voglio sminuire chi davvero non si sente a proprio agio nel proprio corpo, ma semplicemente lavorando coi bambini capisco perfettamente questo momento di passaggio che caratterizza la pre-adolescenza.
Anita e Tina vogliono fare le cose da maschio, giocano a calcio, fanno la pipì in piedi e la prima vorrebbe fare la chierichetta.
Su quest'ultimo punto mi sento di fare un appunto, perché è una cosa che mi tocca da vicino e che conosco molto bene: trovo alquanto sbagliato che nel libro si faccia riferimento esclusivamente al maschile, chierichetto in questo caso, perché già negli anni '80 anche in Lombardia esistevano le chierichette, ovvero le bambine che servono Messa (in altre parti d'Italia erano presenti addirittura dagli anni '50). Capisco la ritrosia del sacerdote, ma non è sufficiente usare il termine maschile per sostenere questa tesi. Mi rendo conto che l'espressione usata nel libro sia voluta, ma l'ho comunque trovata una nota stonata.
Ho apprezzato tantissimo che ci siano degli accenni alla fede e a Lourdes (riprendendone anche la storia), è molto raro trovare queste cose in graphic novel e libri che non c'entrano con la Chiesa e/o che non si basano su questo, ma da persona praticante ne sono rimasta colpita positivamente. È un piccolissimo accenno, eh, ma aiuta a rendere la storia molto più vivida e reale, affondando le radici davvero nella storia dell'Italia in un momento storico in cui la religione era ancora un tassello importante per la società e il singolo.
Mi rendo conto, comunque, che questo accenno alla fede sia fatto in modo critico e che voglia dimostrare che qualsiasi cosa si faccia per sistemare le cose, non funziona. Qui ci sarebbe un lunghissimo discorso sull'utilità di preghiere e simili, sui miracoli, ma andremmo completamente fuori tema, quindi mi fermo qui (ma se volete, possiamo confrontarci nei commenti).

Un altro tema trattato è quello della malattia della madre, visto con gli occhi di Anita, quindi ridimensionato allo sguardo della bambina, che non capisce fino in fondo cosa sta realmente accadendo.
L'argomento è spiegato con estremi tatto e sensibilità, importanti per non offendere o fraintendere ciò che provano quotidianamente le persone colpite dalla depressione.
Il tutto viene reso più reale dai disegni splendidi che compongono la graphic novel e fanno capire al lettore cosa veda la madre di Anita e percepisca così il malessere della donna, comprendendone alcune azioni del tutto slegate dalla normalità.
Anita, ovviamente, capisce ancora poco ciò che accade alla madre e, insieme al ricordo del nonno lontano e della sua vita al sud, sente il bisogno di scappare e allontanarsi da tutto.
Inizia così a prendere vita il piano delle tre amiche, ognuna con la motivazione di scappare da qualcosa: Anita dalla madre e dalla vita al nord, Tina dai genitori (prevalentemente dal padre) e dalla vita di campagna che odia ed Elena dal controllo costante della nonna che, a causa di un piccolo problema al cuore della bambina, non la fa vivere a pieno.

Pur essendo una storia breve, i personaggi sono ben caratterizzati e se ne comprendono stili e modi di fare. Il mio preferito è il padre di Anita, quello che cerca di tirare su i figli non badando a pettegolezzi e dicerie di paese, facendo il proprio lavoro e portando a casa ciò che serve per il sostentamento della famiglia.
La graphic novel, come già detto, ha dei disegni splendidi che rendono tutto più reale e realistico, sono accurati, dal tratto semplice e i colori scelti hanno quella patina un po' vintage che regala al tutto un che di nostalgico.
Ho dato 4 specchi al libro anche e soprattutto perché è davvero breve e si ha la sensazione che manchi qualcosa, che non venga detto tutto, come se fosse soltanto una bozza di qualcosa di molto più ampio.
Questo aiuta il lettore a immergersi nel racconto, ma lo lascia un po' interdetto quando tutto finisce, perché è come se ci fosse un finale aperto, una premessa per una continuazione.

Riassumendo, quindi, la graphic novel mi è piaciuta molto, tocca varie corde dell'intimo della persona e cerca di affrontare tematiche importanti senza scadere nel banale o sminuendole; spero vivamente che ci sia un seguito, perché alcune domande devono avere risposta. Assolutamente.
Ve la consiglio vivamente se siete alla ricerca di qualcosa da leggere che vi riporti un po' indietro nel tempo, a quando non c'erano social e telefonini.

Spero di avervi incuriositi almeno un po' con questa recensione, ringrazio ancora la CE e Federica per avermi coinvolta in questo blog tour, vi lascio il banner con gli altri blog che in questi giorni ne parleranno e recensiranno la graphic novel anche toccando altri punti che io ho tralasciato.


Nel caso in cui vogliate commentare o dirmi la vostra, lo spazio commenti qui sotto è come sempre a vostra completa disposizione.
Non mi resta che augurarvi buone letture e buon proseguimento di settimana,
Annette.

mercoledì 23 settembre 2020

W... W... W... Wednesdays #13.20

Iniziativa di MizB del blog Should be Reading.
Buon mercoledì, miei cari svelatori!
Come state? Com'è iniziato il vostro autunno?
Finalmente per me è iniziata la stagione che preferisco, dove si possono bere cioccolate calde senza essere visti come dei pazzi furiosi, la stagione delle coperte e dei libri (anche se, per fortuna, non ho smesso di leggere durante l'estate). E vogliamo parlare del profumo delle foglie secche bagnate dalla pioggia? Ah, pura poesia!
Ma bando a queste disquisizioni sull'autunno e passiamo a un nuovo appuntamento con la rubrica W... W... W... Wednesdays.
Per chi non la conoscesse, per questa rubrica si tratta di rispondere a tre domande semplicissime:
» What are you currently reading? (Cosa stai leggendo al momento?)
» What did you recently finish reading? (Cos'hai finito di leggere di recente?)
» What do you think you’ll read next? (Quale sarà il prossimo libro che leggerai?)

Ecco le mie risposte:
» Cosa stai leggendo al momento?
  
Dopo aver concluso la lettura de La guerra dei papaveri, siamo ritornati ai soliti vecchi libri in lettura da settimane.
Sono monotona, lo so. Oggi dovrebbe arrivarmi un libro per un review party e che dovrò leggere in pochissimo, quindi spero che in serata si aggiunga ai fortunati in lettura.

» Cos'hai finito di leggere di recente?
Domenica ho fatto la maratona per concludere La guerra dei papaveri e ho già scritto la recensione, ma potrete leggerla solo tra due settimane. Mi dispiace farvi attendere per avere il mio... responso, posso intanto invitarvi a tenere d'occhio le storie di instagram la prossima settimana, perché ci sarà l'IG tour dedicato.

» Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

Come la scorsa settimana, spero di poter iniziare a leggere Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde per il mio SBC, ma ho in coda anche altri libri per altri review party.

E anche questo mercoledì io ho concluso, post breve, lo so.
Quali sono i vostri libri letti, da leggere e che state leggendo in questa settimana?
Buon proseguimento di settimana ;)
Annette.