mercoledì 31 dicembre 2014

Il mio 2014 in libri

Buongiorno e buon ultimo dell'anno a tutti!
Come state? Qui fuori pare che nevichi, così mi sono preparata una cioccolata calda coi marshmallow e sto ripensando un po' a questo 2014... in libri.
Diciamo che questo sarà un post bilancio su letture, libri comprati/arrivati/scambiati, ecc.

Quest'anno ho aggiunto ben 55 libri alla mia libreria (senza distinzioni tra reale e virtuale), quindi sarebbero un libro a settimana, più o meno. Anche se penso di averne perso per strada qualcuno (cioè che non li ho registrati su goodreads) ed è probabile che siano più di 55 =D
Sapete che i miei generi variano molto, di questi 55:
» 14 sono di genere fantasy
» 3 sono di fantascienza
» 11 sono rosa tendente al lilla (diciamo che sono sì romanzi rosa, ma non tantissimo, come piacciono a me =D)
» 13 sono gialli
» 14 sono di generi vari (storico, per ragazzi, saggi, ecc.)
Alcuni di questi arrivi nella mia libreria sono anche già stati spediti in giro, vuoi perché facevano parte di catene di lettura o perché li ho scambiati con altri.
Molti dei libri che ho in libreria, comunque, mi sono arrivati grazie a Bookmooch, dove ne ho trovati tantissimi che mi interessavano, soprattutto un altro di Jasper Fforde.

In questo anno ho letto 21 libri e mezzo. Anche qui ho spaziato molto:
» 6 gialli
» 6 fantasy
» 2 di fantascienza
» 3 rosa tendente al lilla
» 4 di generi vari
Il mezzo riguarda Il ritratto di Dorian Gray, che purtroppo ho ancora in lettura per varie vicissitudini, e conto di finirlo con l'anno nuovo, sperando che sia il primo che concludo nel 2015 =D
In effetti devo dire che non ho letto molto, mi aspettavo qualcosa di più, ma evidentemente il mio tempo per la lettura è stato molto limitato e non me ne sono praticamente resa conto. Spero di fare meglio nel 2015... anche se dicevo la stessa cosa l'anno scorso.

Buoni propositi libreschi per il 2015?
Per prima cosa, leggere almeno due terzi dei libri che ho comprato/mi sono arrivati in questo 2014; in secondo luogo vorrei riuscire a finire le serie che ho iniziato quest'anno e anche quelle che inizierò il prossimo, come per esempio Matched e The Summoning, di cui finalmente ho i primi libri.
Mi piacerebbe leggere qualcos'altro di fantascienza, perché è un genere che mi piace e non vorrei lasciarlo in disparte.
Vorrei anche iniziare a fare delle video-recensioni, visto che adesso ho più o meno i mezzi per farlo, però prima devo studiare bene come funziona il tutto =D
C'è una cosa che vorrei fare da due anni a questa parte: leggere non solo la sera a letto, ma anche seduta alla scrivania con un quaderno o un blocchetto di post-it accanto per prendere appunti e scrivere le mie riflessioni su ciò che leggo. Adesso che ho liberato la scrivania (per questo nevica, oggi =D) vorrei proprio riuscire a farlo, soprattutto con i classici (in Dorian Gray ho segnato - rigorosamente a matita - talmente tanti passaggi che ci sarebbe proprio bisogno di qualche post-it).
E mi piacerebbe collaborare più attivamente con le case editrici, anche solo pubblicando più post che vengono da loro, per far conoscere le nuove uscite. Un po' lo sto già facendo grazie a Nativi Digitali, anche se in quest'ultimo periodo ho dovuto lasciare in disparte anche loro, per i vari problemi che sono sopraggiunti, ma con l'anno nuovo ritornerò attiva!
Spero di partecipare un po' più attivamente anche alla vita degli altri lit-blog, commentando di più rispetto a questo 2014, perché mi dispiacerebbe restare sempre e solo nel mio angolino. Senza contare che non mi dispiacerebbe partecipare a iniziative varie che le altre/gli altri blogger indicono.
Ultimo, ma non meno importante, che non c'entra molto coi libri da leggere, spero finalmente di avere del tempo per finire tutto quello che ho iniziato a scrivere quest'anno, perché vorrei proprio riuscire a pubblicare qualcos'altro oltre al famoso Ombre di sole. Magari qualcosa di più lungo delle 2000 battute di quello non sarebbe male, no? (Se siete a conoscenza di qualche concorso o qualche antologia che accetta racconti originali, fatemelo sapere ;) )

Ringrazio tutti voi che avete seguito più o meno costantemente il blog; ringrazio gli autori che mi hanno contattata per leggere i loro libri e mi scuso con loro se non ho sempre risposto subito agli appelli; ringrazio Nativi Digitali per la collaborazione, perché è sempre un piacere leggere cose nuove e stimolanti; ringrazio anche chi ha letto (e, spero, apprezzato) il mio Ombre di sole e l'intera antologia della Delos.

Bene, ho finito la cioccolata calda, quindi è anche tempo di concludere il post =D
Non mi resta che augurarvi buon anno e spero che questo 2015 sia più... libresco del 2014 ;)

Buone letture,
Annette.

martedì 23 dicembre 2014

Perdonate l'assenza e altre cose

Finalmente riesco a scrivere sul blog!
Per prima cosa, come da titolo, mi scuso per la prolungata assenza, ma ci sono stati alcuni impegni e altri inconvenienti che non mi hanno permesso di aggiornare il blog.
Ora la situazione è tornata alla normalità (se papà non fa altri scherzi ¬.¬), posso finalmente decretare la vincitrice del giveaway (che le verrà inviato per l'anno nuovo, a questo punto) e parlarvi dei progetti futuri qui su VM.

Se vi ricordate, per il compleanno del blog ho indetto un giveaway e la vincitrice fortunata di un segnalibro (ma forse anche più di uno =D) e di un libro a sorpresa è... *rullo di tamburi*

Il Mondo di Dru/La Biblioteca di Drusie
in poche parole Dru/sie =D

Complimenti cara, quanto prima ti contatterò su Facebook o via mail, quindi tieni d'occhio la posta ;)

Per quanto riguarda le novità, è dai primi di dicembre che cerco di introdurle nel blog, ma come avete notato ci sono stati ben scarsi risultati.
Prima perché stavo portando avanti un progetto per il mio blog creativo e quindi passavo le giornate a sfornare card e biglietti natalizi di vario genere, poi perché c'è stato un problema di famiglia non indifferente e quindi il tempo è volato (pensate che riuscivo a malapena a mangiare e andare a dare ripetizioni, perché andavo due volte al giorno in ospedale).
Ma ora, con l'anno nuovo alle porte, voglio proprio togliermi lo sfizio di iniziare nuove e mantenere vecchie rubriche e apportare un po' di novità al blog.
Ogni giorno – si spera – ci sarà almeno un post, seguendo questa tabella di marcia:
Lunedì » In my WhishList, post dedicato a ciò che c'è nella mia lista dei desideri libresca; l'anno scorso, se ben vi ricordate, per il periodo natalizio avevo fatto una rubrica di questo tipo con i libri che avrei voluto richiedere a Babbo Natale e il mio intento era quello di mantenere tale appuntamento anche durante il resto dell'anno, ovviamente senza Babbo Natale;
Martedì » In my ToBeRead, perché ho tantissimi libri comprati e mai letti e quindi vorrei parlare di ogni singolo libro che ancora non ho letto (calcolando che ne ho più di 52, dovrei riuscire a coprire ben più di un anno di post =D);
Mercoledì » W... W... W... Wednesdays, questa rubrica mi è sempre piaciuta molto, perché è un ottimo riassunto delle letture in corso e non solo;
Giovedì » Chi ben comincia, questa è una delle rubriche che vorrei mantenere, perché mi piace molto;
Venerdì » Le prime 100 pagine, mia rubrica che non aveva una cadenza fissa... so già che non leggerò un libro a settimana (sarebbe un sogno), ma non mi dispiacerebbe arrivare almeno a pagina 100 una volta a settimana =D scherzi a parte, mi piace l'idea di parlarvi di un libro diverso a settimana, se poi ci scappa una mini recensione delle prime 100 pagine ben venga, no?
Sabato » Saturday Review, ormai lo sapete, il sabato è il giorno perfetto per le recensioni speciali; come per le 100 pagine, non penso di leggere un libro a settimana, quindi spero di poter recensire anche libri che ho letto tempo fa, ma di cui non vi ho ancora mai parlato;
Domenica » per la domenica ho pensato a ben due appuntamenti fissi:
» La domenica libraria, perché io ho un'abitudine (forse brutta): dopo essere stata a Messa, quando non vado a bere il caffè con gli altri della Parrocchia, faccio una capatina in libreria e mi compro qualcosa. La mia regola è: non uscire dalla libreria senza un libro, soprattutto la domenica =D
» Clock Rewinders, mi piace tantissimo anche questa rubrica e mi dispiacerebbe non continuarla, quindi ho pensato bene di mantenerla.

Ovviamente, nel corso delle giornate ci potranno essere altri post: recensioni, commenti ad articoli e avvenimenti librari, post vari.
Non mancheranno, poi, gruppi di lettura, reading challenge e altre iniziative a cui sto già pensando. Mi piacerebbe riuscire a indire almeno un gruppo di lettura fin dall'inizio dell'anno.
Nel 2015 ho anche in programma di andare a qualche presentazione di libri, visto che la mia sete di cultura e conoscenza è sempre poco soddisfatta.

Come avrete capito, per questo nuovo anno ho 1000 idee che mi frullano nella testa, come sempre spero di riuscire a fare tutto =D

Bene, penso di avervi detto tutto... non vi faccio adesso gli auguri di Natale e di anno nuovo, perché penso proprio di riuscire a farveli per tempo ;)

Buon proseguimento di giornata,
Annette.

martedì 2 dicembre 2014

6 anni con Veiled Mirror

Sono leggermente in ritardo sulla tabella di marcia e per questo mi scuso con voi, ma ieri è stata una giornata molto piena =D


Sembra ieri che ho iniziato a scrivere per il blog, prima molto raramente, poi, negli ultimi anni, sempre più di frequente, con iniziative, post, recensioni e quant'altro.
Sono molto felice che il mio blog abbia raggiunto questo traguardo. Quando l'ho aperto avevo mille dubbi e non sapevo come o dove sarei andata a parare.

6 anni.
Ancora non ci credo.

Per festeggiare come si deve (e visto che gli altri anni il compleblog è passato quasi sotto silenzio), ho pensato bene di indire un giveaway speciale.
Speciale perché è un giveaway per il compleblog, evento più unico che raro qui su VM.
Speciale perché voi non saprete cosa vi arriverà a casa, quindi sarà totalmente a sorpresa.

Sì, avete letto bene, a sorpresa.
In pratica riceverete un libro e un segnalibro handmade (fatto da me medesima), ma non avrete la più pallida idea di che genere sarà il libro, di che autore o di che periodo storico.
Lo so, sono un po' sadica, ma siamo quasi a Natale e le sorprese dovrebbero essere il sale per questa splendida festa.

Per partecipare dovrete fare solo alcune semplici cose:
» commentare il blog dicendo come l'avete conosciuto e cosa c'è che vi piace
» (se non lo siete già) diventare follower del blog
» cliccare mi piace sulla pagina FB
» twittare il post (questo punto lo potete fare ogni giorno fino alla scadenza)
» seguirmi su Goodreads
Se avete un blog, potete anche pubblicizzare il giveaway scrivendo un post o inserendo il banner qui sotto in colonna.

<a href="http://veiled-mirror.blogspot.it/2014/12/6-anni-con-veiled-mirror.html" target="_blank"><img src="http://4.bp.blogspot.com/-sKU9QD58w-k/VH3c9UGCIdI/AAAAAAAACcM/5frUoAAV6ao/s1600/giveaway-compleblog.jpg" border="0" alt="Giveaway di Compleblog @Veiled Mirror" /></a>

Il giveaway terminerà il prossimo 10 dicembre.
Come per un altro giveaway, ho deciso di avvalermi di Rafflecopter, quindi potrete inserire tutte le cose richieste nel form sottostante. E non dimenticate di invitare i vostri amici ;)

a Rafflecopter giveaway

Penso (e spero) di non aver dimenticato nulla e mi auguro vorrete partecipare in tanti a questo mio piccolo giveaway per festeggiare il compleblog!

Buon proseguimento di giornata,
Annette.

lunedì 10 novembre 2014

{Recensione} The Selection

Titolo: The Selection
Autore: Kiera Cass
Data di pubblicazione: marzo 2013
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Collana: Pickwick
Genere: Distopico
Prezzo: 9.90€
Quarta di copertina: In un futuro lontano, in un Paese devastato dalla guerra e dalla fame, l'erede al trono seleziona la propria moglie con un reality show. Spettacolare. Per molte ragazze la Selezione è l'occasione di una vita. L'opportunità di sfuggire a un destino di miseria e sognare un futuro migliore, fatto di feste, gioielli e abiti scintillanti. Ma per America è un incubo. A sedici anni, l'ultima cosa che vorrebbe è lasciare la casa in cui è cresciuta per essere rinchiusa in un palazzo che non conosce. Perdendo così l'unica persona che abbia mai amato, il coraggioso Aspen. Poi però America incontra il principe Maxon e le cose si complicano. Perché Maxon è affascinante, dolce e premuroso. E può regalarle un'esistenza che lei non ha mai nemmeno osato immaginare...


Da tempo vedevo in libreria questo libro e ho letto opinioni molto contrastanti sui blog, quindi ho aspettato l'edizione economica.
Devo dire che non sono affatto delusa: il libro mi è piaciuto molto, la trama (forse un po' scontata in alcuni punti) è ben congegnata e i personaggi non sono male. Anche l'idea di fondo non mi è dispiaciuta, anzi, l'ho trovata originale e ben sfruttata.

America è una ragazza come tante, se non fosse che è una Cinque, quindi appartiene a una casta di molto inferiore a quelle che possono garantirle un'esistenza felice e senza probelmi.
Vive con la famiglia in Carolina, una regione di Illea, ha un fidanzato (di nascosto da tutto e tutti) che ama, Aspen, nonostante sia un Sei non vede l'ora di poter mettere su famiglia con lui.
Tutto sarebbe perfetto e potrebbe andare per il meglio se non fosse che il principe Maxon debba trovare moglie e così viene inviata una lettera a tutte le ragazze in età da matrimonio dello stato.
America non vuole assolutamente partecipare, il suo principe lo ha già, ma proprio lui la costringerà a inviare la propria candidatura.
E, ovviamente, America sarà una delle candidate alla Selezione e il suo mondo sicuro inizierà a vacillare.

Ho odiato Aspen per buona parte del libro, l'ho trovato un po' stupido, ma per fortuna si riabilita abbastanza nel proseguo della lettura.
Mi sono rivista molto in America, soprattutto quando Aspen si comporta da bastardo insensibile e *aggiungere qui insulto a piacere*; non posso non rispecchiarmi in una persona che, seppure immaginaria, ha provato quello che ho provato io tempo fa.
L'unica differenza è che lei ha conosciuto Maxon che ha cercato di esserle amico e di tirarle su il morale, capendola e supportandola, io sono rimasta a crogiolarmi nel dolore per anni =D
Maxon è senz'altro un personaggio interessante: è il principe ereditario di Illea, ma questo non gli impedisce di essere un ragazzo insicuro e che non ha mai avuto grandi occasioni per uscire con le ragazze. Quindi la Selezione è l'unico modo che ha per trovare l'anima gemella.
Mi ha fatto molta tenerezza, perché non si può non provare un sentimento del genere quando vedi una persona che, nonostante il rango e la posizione che ricopre, è insicura, timida e molto impacciata.
Mi è piaciuto molto il fatto che America avesse una certa influenza positiva su Maxon e che lo facesse riflettere sui problemi della gente che popola il suo regno, soprattutto per quanto riguarda quelli di caste inferiori alla Quattro e che devono fare salti mortali per mangiare e vivere. È uno spaccato di società non molto lontano da quello attuale, in fondo.

Le altre partecipanti alla Selezione sono per lo più abbozzate, tranne quelle più vicine ad America, che sono molto ben caratterizzate.
Provo un odio profondo per Celeste, che mi ricorda molto altri personaggi privi di scrupoli e di coscienza di cui ho letto altrove... e probabilmente anche visto in giro durante la mia vita. È una persona estremamente irritante e che cerca sempre la lotta per far escludere le altre e avere così la vittoria. America è veramente brava a tenerle testa e a non reagire mai alle provocazioni, io di sicuro le avrei già sbattuto la testa al muro.
E spero proprio che Celeste si auto-elimini nel prossimo libro =D

La trama è molto fluida, non ci sono particolari scossoni e, anche quelli che potrebbero essere tali, non lo sono poi molto. Sarà che, come ho già detto, certe cose me le aspettavo, quindi non ho avuto moltissime sorprese.
Lo stile dell'autrice mi piace e penso proprio che leggerò anche i libri successivi, un po' per sapere come continua la Selezione, un po' per scoprire come si evolverà il triangolo (lo so, piccolo spoiler, chiedo venia) e un po' per leggere del futuro di Illea.
Certo non è un libro eccelso, ma è molto ben costruito e l'autrice non si è mai persa pezzi per strada (a parte il fatto che in un punto viene detto che sono rimaste venticinque ragazze e poco dopo devono tornare a casa trentaquattro, quindi mi sono chiesta se qualcuno si fosse accorto che ce n'erano dieci di troppo... ma forse era un discorso più generale, visto che sono partite in trentacinque); si legge in poco – io ci ho messo un po' di più perché avevo in lettura altri libri – e la storia segue proprio la crescita di America all'interno della competizione, sia dal punto di vista psicologico, sia dal punto di vista caratteriale.

Non ha particolari punti deboli, forse solo il fatto che la storia non sia particolarmente articolata, ma mi aspetto più scossoni e più colpi di scena nel prossimo... spero di non restarne delusa.

Detto questo, il mio voto è di

Spero di non avervi annoiati con questa mia recensione.
Buone letture,
Annette.

martedì 4 novembre 2014

Un libro è un libro, ma...

Da qualche giorno sto seguendo l'iniziativa #unlibroèunlibro legata al fatto che ci siano due pesi e due misure riguardo il costo dell'IVA sui libri cartacei e sugli ebook.

L'IVA sui libri cartacei è fissa al 4%, mentre per gli ebook è al 22%, un salasso se si pensa che sono praticamente lo stesso prodotto e, anzi, gli ebook costano notevolmente di meno, visto che non hanno costi particolari per quanto riguarda la carta, la distribuzione tradizionale e altre cose tipiche del primo.
Siamo tutti d'accordo che l'IVA dovrebbe essere uguale per entrambi, ma ci sono due ma grandi quanto un paese.

Per il primo ma ringrazio LadyAileen di Una passione e oltre, perché lei, come tanti altri, sta ancora battendo per abolire la famosa Legge Levi.
Come sapete la Legge Levi ha imposto un tetto, fissato al 15%, per gli sconti applicabili ai libri, al fine di equiparare grandi catene di distribuzione come Feltrinelli, Mondadori, Giunti ai piccoli e medi distributori che non possono fare gli stessi sconti applicati altrove, e stabilisce che "i saldi" possono essere effettuati solo una volta all'anno e non nel periodo natalizio.
Così facendo, però, si va sempre a gravare sulle tasche dei lettori, perché i libri non costano certo poco e quindi si ha anche avuto un rialzo dei prezzi di copertina.
Io, come LadyAileen e tanti altri, sono d'accordo sull'abolizione di questa legge assurda e sarei molto contenta se finalmente si facesse una legge che riguardasse il tetto massimo di prezzo, perché spendere anche 30-40€ (sconto o non sconto del 15% son sempre tanti soldi) per un libro mi sembra un'esagerazione.

Piccola nota: la Fanucci, su facebook, aderisce all'iniziativa #unlibroèunlibro e più di qualcuno ha fatto presente, tra le altre cose, che Elantris in edizione cartacea è in vendita a 30€, cosa davvero improponibile per un libro normale. La risposta della CE è stata questa:

Questa immagine non è stata modificata, se non le credete, potete andare qui e leggere con i vostri occhi!
La cosa che mi ha schifata di questa risposta è stata il fatto che la Fanucci – che sempre su FB ricorda che dal 1971 si dedica a diffondere il fantasy in Italia – consideri il genere fantasy qualcosa di nicchia e che quindi è plausibile e normale che possa costare anche tanto. Sono anni che il fantasy è stato sdoganato e non è più un genere di nicchia, ma chissà come mai qualcuno lo pensa ancora.
L'atteggiamento della Fanucci per me è follia pura, sotto vari punti di vista.

Ritornando a #unlibroèunlibro, il secondo ma è una mia personale riflessione.
Nella rete c'è qualcuno che dice che se non si abbassa l'IVA dell'ebook, non ci potrà essere un ricircolo della cultura, pensando – erroneamente, secondo me – che la cultura vera e propria passi per i libri che si trovano in vendita in libreria o negli store online.
Per quanto possa essere d'accordo che anche un libro divertente, frivolo e leggero possa rientrare in quella che viene definita cultura personale, da qui a dire che qualsiasi volume sia cultura (magari anche con la c maiuscola) ce ne passa.
Ma se proprio vogliamo che ogni libro sia cultura, allora com'è che in libreria e non solo ci sono dei prodotti che non sono di qualità?
Di sicuro se ci fossero più uscite di qualità o anche solo scritte in modo più decente, probabilmente la lettura non sarebbe un piacere per pochi.
Sia chiaro: parlo di qualità prevalentemente per quanto riguarda la scrittura, quindi libri scritti bene, traduzioni fatte secondo i crismi della lingua in cui vengono tradotti, ecc.
Ogni volta che vado in libreria mi ritrovo davanti titoli improbabili, libri scritti con i piedi (anche per questo non leggo molti autori italiani), traduzioni illeggibili, grammatica e ortografia stuprate per fini commerciali.
Capisco che probabilmente la qualità per le CE non sia così importante perché non fa vendere tanto come la quantità, ma secondo me ce ne vorrebbe un po' di più.

Lo so, i miei pensieri rasentano l'utopia, ma non fa male pensare un po' a qualcosa da fare per cambiare le cose, anche se sono soltanto sogni.
Spero di essere riuscita a chiarire almeno un po' il mio punto di vista.

Voi cosa ne pensate dell'iniziativa #unlibroèunlibro?
Annette.

sabato 1 novembre 2014

{Segnalazione} Fil Rouge

Titolo: Fil Rouge
Autore: Ornella Calcagnile
Data di pubblicazione: 27 ottobre 2014
Casa Editrice: Self-Publishing Narcissus
Genere: Romance
Pagine: 118
Prezzo: 0,99€ (solo ebook)
Quarta di copertina: Avete presente la vibrante sensazione di positività che vi può trasmettere a pelle una persona appena conosciuta?
Se poi questa persona è un giovane uomo affascinante, la situazione si complica e Kylie avverte subito i piaceri e le insidie legati a questo inatteso e magnetico feeling che scoppia con Joël; l’inquilino dei piani alti dai magnifici occhi di cristallo e il sorriso accattivante.
Ma i due giovani sono davvero legati dal filo rosso del destino?
Tra amicizie esasperate, passioni trattenute, amori improvvisi, donne zuccherose e signore drago; Kylie verrà risucchiata in un vortice di situazioni grottesche, addirittura esilaranti, in cui scoprirà tante cose, compreso  ciò che la lega davvero a Joël. Per farlo, si affiderà anche alla buona sorte, portando con sé il suo particolare e inseparabile portafortuna, che beh…avrà molto a che fare con un “fil rouge”.

L'autrice: Ornella Calcagnile è nata a Napoli il 2 gennaio 1986. Diplomata all’Istituto D’Arte, laureata in Scienze della Comunicazione, ha sempre avuto un debole per tutto ciò che riguarda la creatività: grafica, disegno, fotografia, video-editing, fumetto e cinema.
Inizia a scrivere nel 2008 per dare sfogo alla sua fantasia ma con il tempo nasce una vera e propria passione che la induce a creare un blog di racconti e a lavorare sei mesi come copywriter, avvicinandola ulteriormente al mondo dell’elaborazione testi e della comunicazione.
Nel 2012 apre un lit-blog Peccati di Penna dedicato alle recensioni e alla presentazione di giovani autori.
Nel 2013 esordisce come scrittrice con il romanzo urban fantasy Helena, pubblicato con Ute Libri.
Nel 2014 si cimenta in racconti auto-pubblicati: Black - The Hunter, spin off di Helena e l’horror È la mia natura. Sempre nello stesso anno, auto-pubblica il romance Fil Rouge sperimentando uno nuovo genere.
Il suo sogno è diventare una brava scrittrice, trasmettere emozioni e creare avventure in cui il lettore possa perdersi.


Questa segnalazione doveva essere online ieri, ma poi mi sono persa nella lettura e quindi non ho fatto in tempo, così rimedio oggi.
Ringrazio Ornella, che mi ha contattata per questa segnalazione, non conoscevo il suo libro e devo dire che non mi dispiacerebbe leggerlo, quindi appena avrò un po' di tempo lo comprerò e leggerò ;)

Buone letture,
Annette.

{Saturday Review} Con un poco di zucchero


Buongiorno!
Vi dirò, per me sembra domenica (tra poco andrò anche a Messa...), ma la recensione del sabato non può aspettare.
Attenzione: la recensione che segue è l'ideale per le inguaribili romantiche, quindi se vi schifate delle sdolcinatezze non leggete. Uomo avvisato...

Titolo: Con un poco di zucchero
Autore: Chiara Parenti
Data di pubblicazione: 30 ottobre 2014
Casa editrice: Rizzoli
Collana: YouFeel
Mood: Ironico
Genere: Rosa
Pagine: 124
Prezzo: 2.49€
Quarta di copertina: A trent’anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e “loro”, Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie.
Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po’ stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci... e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell'amore.
Dall’autrice del romanzo rivelazione dell’estate 2014 Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) una nuova, divertente e supercalifragilistichespiralidosa storia d’amore, che fa rivivere il mito di Mary Poppins.


Finito in una manciata di ore (l'avrei finito anche prima, se non fossi dovuta uscire... anche se l'ho scaricato anche nello smartphone =D), l'ho letteralmente divorato e adorato, come l'altro libro di Chiara Parenti.

Questa volta il protagonista è un uomo, Matteo Gallo, che è costretto a vivere dalla sorella visto che: 1. la fidanzata, la Stronza, l'ha lasciato, 2. il capo – che aveva una relazione con la suddetta Stronza – l'ha licenziato, 3. è stato sfrattato e si è ritrovato a un bivio, cioè andare da sua madre o da sua sorella, fresca di divorzio.
I due nipoti sono letteralmente intrattabili e ingestibili, le tate si sono susseguite nella casa sia per colpa loro, sia per colpa di Matteo, come successo con l'ultima. Beatrice, la sorella di Matteo, quindi è costretta a pubblicare un annuncio sul giornale e da qui i guai del povero Teo prendono un'ulteriore drammatica piega.
A rispondere all'annuncio è Katie, una simpatica ed eccentrica tata italo-anglosassone, che fin da subito Matteo trova strana, pazza e la soprannomina Psycho Nanny.

Non vi svelo molto altro, perché mi dispiacerebbe davvero togliervi la sorpresa, quindi mi fermo qui con il riassunto.
Vi basti sapere che a Matteo ne capitano di tutti i colori e spesso si rivela un vero e proprio idiota. Ma è così... tenero e dolce, scemo e sprovveduto. È praticamente inutile odiarlo e, anzi, se gli uomini fossero tutti come lui, forse il mondo sarebbe un posto migliore... anche se potrebbe evitare di correre dietro a qualsiasi cosa si muova, eh! =D
Ma per fortuna tata Katie lo fa cambiare e lui manco se ne accorge.

Lo stile di Chiara è sempre molto piacevole e divertente, ci sono battute in ogni riga, e soprattutto all'inizio avevo le lacrime agli occhi dalle risate.
Ci si immerge nella lettura fin dall'inizio e si è veramente catapultati nella testa di Matteo, che cerca di difendersi dal veleno che gli avrebbe iniettato tata Katie, che cerca di sopravvivere alle stramberie di tata Katie e che finalmente trova un equilibrio sia dentro sia fuori di sé.
Avrei voluto che il libro continuasse ancora, e spero proprio che Chiara ne scriva un seguito, magari di uno dei ritiri spirituali di cui parla Katie alla fine.

I personaggi sono davvero eccezionali e ben caratterizzati, mi sono immedesimata molto sia in Matteo sia in Katie, forse perché c'è un po' di entrambi dentro di me (non che sia pazza o che abbia problemi di personalità, ma mi sono rispecchiata molto nella razionalità di Teo e nella voglia di giocare con i bambini di Katie).
C'è una frase all'inizio:
A un certo punto, Dio, o chi ne fa le veci, deve aver detto: perché mettergli solo Saturno, quando può avere contro l’intera Via Lattea?
Mi ci sono rivista molto e tutt'ora mi ci rivedo, perché anche quando penso che le cose più banali possano andare bene, c'è sempre qualcosa che va storto e non va mai come avevo pensato, studiato e sperato. E questo si rivela in un po' tutti gli aspetti della mia vita... ormai ci ho fatto il callo, come si dice dalle mie parti, quindi mi sono messa l'anima in pace e aspetto che il periodo passi (3-4 anni, però, mi sembrano un periodo esageratamente lungo, no?).

Ma torniamo al libro.
Anche i personaggi minori, le comparse, sono caratterizzati benissimo: hanno tutti un'anima e si vede che Chiara non li ha buttati lì a far nulla o perché passavano per caso.
Il personaggio che meno mi ha entusiasmata è stato quello di Stefano, il migliore amico di Matteo, che è un vero e proprio idiota e lui sì, che ha la teoria del "basta che respiri" per le ragazze e si vanta a destra e a manca delle conquiste fatte in terra londinese.
Per fortuna nel finale, seppur solo citato da Katie, si riabilita un po', ma per il resto del libro ha avuto il mio più totale disprezzo per come Matteo era costretto a fare il maschio alfa, come dice lui stesso nel racconto.
Gli hobbit sono i miei preferiti: Gabriele e Rachele sono adorabili, anche se probabilmente mi causerebbero attacchi di ira da qui all'eternità senza l'intervento di tata Katie =D scherzi a parte, si comportano come dei diavoli usciti dall'Inferno per colpa di ciò che hanno passato, che poi non è molto lontano da ciò che Teo ha passato. Presi per il verso giusto sono veramente adorabili e non si smetterebbe di voglierli bene per nulla al mondo.

Seppur di poche pagine, Con un poco di zucchero è un libro denso di significato, che sembra un po' frivolo, ma, come il Mary Poppins da cui prende ispirazione, è ricco di insegnamenti e fa riflettere. Nulla è come sembra e, anzi, c'è qualcosa di più profondo che porta i personaggi ad arrivare a un punto di non ritorno, insegnando loro cosa voglia dire vivere il presente fino in fondo.
Anch'io penso di aver imparato qualcosa da Katie, tutto sta nel ricordarsi questi piccoli insegnamenti e metterli in pratica ogni giorno =D

Ringrazio Chiara, quindi, per avermi fatto leggere il suo libro – su FB erano giorni e giorni che dicevo che non vedevo l'ora – e spero che scriva qualcosa di nuovo al più presto, perché i suoi personaggi e le sue trame, oltre al suo stile, mi danno sempre una carica incredibile e fanno riaffiorare in me il mio spirito da inguaribile romantica!

Voto:
Consigliatissimo!

E ora vado a prepararmi, scusate se sono così di corsa, ma i ragazzi non possono aspettare oggi =D

Buone letture,
Annette.

venerdì 31 ottobre 2014

{Giveaway} Il Giardino degli Aranci. Il Mondo di Nebbia

Buongiorno miei cari svelatori di specchi, come state? Io sono bella pimpante per due motivi:
1. ho fatto bei sogni e ne sono estremamente felice
2. rendo noto questo post che permetterà a uno di voi di essere tanto tanto felice!

Come noterete dal titolo, si tratta di un giveaway (il primo di VM, che emozione!).
Qualche giorno fa è avvenuta l'estrazione del giveaway del blog tour dedicato a Il Giardino degli Aranci di Ilaria Pasqua e io sono risultata una dei sette vincitori. Ovviamente io avevo partecipato più per gioco che per altro e così, in accordo con la casa editrice, Nativi Digitali Edizioni, ho deciso di girare la mia fortuna a uno di voi, che passate di qui.

Il premio in questione è *rullo di tamburi*

Autore: Ilaria Pasqua
Data di pubblicazione: 14 maggio 2014
Casa editrice: Nativi Digitali Edizioni
Collana: NSF (Non Solo Fantasy)
Genere: Fantasy, Distopico
Prezzo: 0.99€
Quarta di copertina: Il Mondo di Nebbia, dove Aria e il fidato amico Henry vivono e frequentano un liceo come tanti altri ragazzi, nasconde dei segreti inquietanti, come incubi che prendono forma e sono in qualche modo collegati ai Cinque Sacerdoti, misteriosi individui che controllano la città. Aria non è però una ragazza come tutte le altre: in quel mondo ha la sensazione di "girare a vuoto", e dentro di sé sospetta che dietro ai suoi incubi ci siano verità dimenticate... sarà l'incontro con Will, che come lei sembra frustrato e insoddisfatto da quella realtà, a rivelarle che tutto quello in cui credeva prima è nient'altro che un'illusione. Qual è la verità dietro quel mondo? Chi sono i Cinque? E in che modo Aria ha il potere di cambiare tutto?

Sì sì, avete letto bene.
Il premio è proprio una copia di questo ebook, di cui potete leggere la mia recensione qui (fresca di ieri) =D
Io ho apprezzato moltissimo l'ambientazione, l'originalità di un elemento e i personaggi, quindi sono felicissima che qualcuno avrà la possibilità vincerne una copia.

Per vincere l'ebook dovrete semplicemente seguire queste regole:
» essere lettori fissi del blog
» mettere mi piace alla pagina FB del blog
» mettere mi piace alla pagina FB di Nativi Digitali Edizioni
» mettere mi piace alla pagina FB di Ilaria Pasqua
» (se avete un blog) inserire il banner qui sotto sul vostro blog (potete scrivere un post del giveaway o semplicemente metterlo in colonna)

Il bannerino:

<a href="http://veiled-mirror.blogspot.com/2014/10/giveaway-il-giardino-degli-aranci-il.html" target="_blank"><img src="http://1.bp.blogspot.com/-Z4kX2Sok4J8/VFNaqNw_LQI/AAAAAAAACUg/EDRHFkHzspI/s1600/gdamdn-giveaway.jpg" border="0" alt="Vinci una copia de Il Giardino degli Aranci. Il Mondo di Nebbia su Veiled Mirror" /></a>

Il giveaway chiuderà l'8 novembre, quindi se volete una copia dovrete affrettarvi =D

Non vi resta che seguire le istruzioni che trovate qui sotto e... buona fortuna a tutti!

a Rafflecopter giveaway

Buone letture,
Annette.

giovedì 30 ottobre 2014

{Segnalazione} Con un poco di zucchero

Autore: Chiara Parenti
Data di pubblicazione: 30 ottobre 2014
Casa editrice: Rizzoli
Collana: YouFeel
Mood: Ironico
Genere: Rosa
Prezzo: 2.49€ (solo ebook)
Quarta di copertina: A trent’anni suonati Matteo Gallo, aspirante scrittore senza soldi e senza speranze, è costretto a vivere con la sorella Beatrice e “loro”, Rachele e Gabriele, i due scatenatissimi nipotini. Nessuna delle tate finora ingaggiate è riuscita a domarli. Ma ecco che, come per magia, un pomeriggio di fine settembre, un forte vento che spazza le nubi dal cielo porta tata Katie.
Beatrice e i suoi bambini restano subito incantati da questa ragazza inglese un po’ stravagante e scombinata, che fa yoga, mangia verdure, va pazza per i dolci... e che con le sue storie fantastiche e i suoi giochi incredibili è in grado di cancellare l’amaro della vita. Matteo invece cercherà (o crederà) di sottrarsi al suo influsso: ma sarà tutto inutile, perché Katie compirà su di lui la magia più grande. Quella dell'amore.
Dall’autrice del romanzo rivelazione dell’estate 2014 Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) una nuova, divertente e supercalifragilistichespiralidosa storia d’amore, che fa rivivere il mito di Mary Poppins. 

Lo so, sto zitta per più di una settimana e poi me ne esco con due post in una giornata (forse ce ne sarà anche un terzo =D), ma non potevo non segnalare l'uscita di questo ebook.
Ho conosciuto (virtualmente, ma spero di incontrarla presto) Chiara Parenti grazie al suo Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) che ho letto, molto apprezzato e recensito qui, e sono felicissima che esca un secono romanzo breve per la collana YouFeel della Rizzoli.
Non vi nascondo che non vedo l'ora di leggerlo, sia perché la trama mi ispira tantissimo (e com'è scritto nella quarta di copertina, mi ricorda tanto Mary Poppins), sia perché sono un'inguaribile romantica e una lettura piacevole e sbarazzina qualche volta fa bene all'umore, soprattutto se scritta bene.

Cos'altro aggiungere? Solo: lo voglio! =D

Buone letture,
Annette.

{Recensione} Il Giardino degli Aranci. Il Mondo di Nebbia

Autore: Ilaria Pasqua
Data di pubblicazione: 14 maggio 2014
Casa editrice: Nativi Digitali Edizioni
Collana: NSF (Non Solo Fantasy)
Genere: Fantasy, Distopico
Prezzo: 0.99€
Quarta di copertina: Il Mondo di Nebbia, dove Aria e il fidato amico Henry vivono e frequentano un liceo come tanti altri ragazzi, nasconde dei segreti inquietanti, come incubi che prendono forma e sono in qualche modo collegati ai Cinque Sacerdoti, misteriosi individui che controllano la città. Aria non è però una ragazza come tutte le altre: in quel mondo ha la sensazione di "girare a vuoto", e dentro di sé sospetta che dietro ai suoi incubi ci siano verità dimenticate... sarà l'incontro con Will, che come lei sembra frustrato e insoddisfatto da quella realtà, a rivelarle che tutto quello in cui credeva prima è nient'altro che un'illusione. Qual è la verità dietro quel mondo? Chi sono i Cinque? E in che modo Aria ha il potere di cambiare tutto?


So che questo post era atteso con ansia, visto che ve l'ho promesso la scorsa settimana, ma ho voluto prendermi un po' di tempo per scrivere una recensione più chiara possibile.
Devo essere sincera, ho avuto un po' di difficoltà nella lettura del libro sia perché dopo un tot di pagine non riesco più a leggere su uno schermo (che sia del computer, dell'iPad o dello smartphone), sia perché la struttura della trama era piuttosto lenta all'inizio e un po' confusa poi. Bene o male si riesce a capire la storia, quali siano i protagonisti e quale sia il fine da raggiungere. Il problema è la scrittura non sempre fluida (complici anche alcuni errori madornali di italiano) e il fatto che l'autrice inserisca dei salti temporali che si sarebbero potuti integrare un po' meglio nella storia.

La protagonista del romanzo è Aria, una ragazza che vive in un mondo governato da Cinque Sacerdoti, entità che si nutrono degli incubi dei cittadini della città che governano.
Tutto è sempre avvolto da una fitta nebbia, il sole si vede a malapena.
Pian piano Aria si rende conto di girare a vuoto e di voler capire cosa sta succedendo realmente. Entra così in contatto con Will, un ragazzo un po' strano che tende a stare isolato dagli altri.
Will le insegnerà a trattenere gli incubi e Aria inizierà a ricordare la sua vita prima dell'essere arrivata in città.

Lo so, il riassunto non è dei migliori, ma ho paura di svelare troppi dettagli che è meglio rimangano nascosti, altrimenti vi rovinerei la lettura.
Detto questo, sono contenta che anche gli autori italiani si interessino al genere distopico, che mi affascina già da un po' e che ha qualcosa di interessante, perché a differenza degli altri fantasy, immerge il lettore in una realtà portata agli estremi.
Nel nostro caso, i Cinque Sacerdoti sono gli artefici (insieme a una donna anziana) di una realtà in cui le persone non invecchiano e vivono come in una bolla. Gli incubi sono molto importanti, soprattutto per i Cinque, perché grazie a essi si nutrono e riescono a mantenere il controllo di questa realtà fittizia.
Non avrebbero mai potuto immaginare, né ci avrebbero creduto se qualcuno glielo avesse rivelato, che i loro sogni notturni, oltre a tenerli prigionieri in quella città, alimentavano il dominio e permettevano la sopravvivenza dei Cinque. Le persone non potevano sapere neanche che fossero al centro di un inquietante progetto che i Sacerdoti tenevano nascosto.
[...]
L'energia veniva assimilata dai Cinque e automaticamente quel mondo veniva ricaricato, confermando un altro giorno.
Questo è uno dei particolari che più mi ha affascinata e che mi ha invogliata a proseguire la lettura, oltre al fatto che l'ho trovato molto originale.

L'inizio, purtroppo, è stato molto lento e più volte ho pensato di abbandonare la lettura, perché mi stavo un po' annoiando, ma ho tenuto duro e un po' ne è valsa la pena.
Le descrizioni dei luoghi e dell'atmosfera sono molto vivide e sembra proprio di vivere lì, anche se talvolta mi sono accorta di perdermi qualcosa. Non so bene come spiegarlo, ma probabilmente è dovuto al fatto che ho letto il libro a pezzi nei ritagli di tempo e distogliendo più volte lo sguardo dal testo, perché, come già detto, dopo un po' la lettura a schermo mi dava fastidio.

Un altro punto a sfavore, mi dispiace dirlo, è l'italiano e, di conseguenza, lo stile dell'autrice, che non aiutano il lettore a immergersi fino in fondo nel mondo del libro.
Spesso ho trovato errori (esempio tra tutti lievitazione anziché levitazione. So che lievitazione è usato molto spesso col significato di librarsi in aria, ma io l'ho trovato stucchevole e mi sono chiesta se il Sacerdote fosse un pezzo di pane che stava prendendo forma o qualcosa di più simile a un uomo), altre volte ho trovato delle frasi costruite veramente male e che non permettevano una lettura fluida.
Senza parlare poi delle contraddizioni nei movimenti dei personaggi: c'è un passaggio nel libro in cui Will, Aria, Henry e Isaac parlano nel Giardino degli Aranci, un attimo prima i tre amici sono seduti sul muretto e Isaac è in piedi, l'attimo dopo, senza dire nulla, i ruoli sono invertiti, cioè Isaac è seduto e gli altri sono in piedi, infatti l'autrice li fa sedere nuovamente sul muretto.
Oppure verso la fine, Will ha le braccia legate dietro la schiena, ma non si sa come – perché non viene descritto – un uomo gli rompe il braccio e poi lo stesso Will se lo stringe al petto con l'altra mano, la mia domanda è, quindi, quando è stato slegato?
Forse per molti sono dettagli insignificanti, ma per me sono fondamentali, perché errori di questo tipo mi fanno distrarre dalla lettura e penso a cosa possa essere successo nel frattempo, allantonandomi così da quello che viene dopo.

All'interno della storia sono comparsi svariati personaggi, tutti molto ben caratterizzati, infatti mi sono piaciuti molto Will, Henry e Aria, che sono i protagonisti, e li ho trovati molto realistici; il problema, secondo me, è rappresentato dal personaggio di Dan, che entra nella storia senza essere presentato, Aria lo chiama per nome da un momento all'altro, ma in un primo momento non è dato sapere come lo conosca, anzi, io ho pensato ci fosse un errore, uno scambio di persona. Andando avanti con la lettura, invece, si conosce meglio anche lui e si capisce abbastanza che ruolo abbia nella storia.
Una cosa che ho molto apprezzato è il fatto che la storia d'amore non sia centrale, ma rimane ai margini e quindi è come se fosse una parentesi, mentre la parte più importante, la ricerca di verità e di quel qualcosa che faccia uscire i protagonisti da un mondo fittizio e illusorio, è molto presente.
Non ho invece apprezzato che tutti i maschi, chi più, chi meno, siano attratti da Aria. Io capisco che abbia un carattere molto particolare e che intrighi col suo modo di fare (anche se spesso le avrei tirato qualche sberla, visto l'egoismo che dimostra), ma l'ho trovato un po' forzato e in quei momenti Aria mi sembrava una Mary Sue fatta e finita.

Pecche a parte, sono molto curiosa di leggere il secondo libro della saga, perché voglio proprio sapere come continuerà la lotta tra Aria, Henry, Will e i Cinque Sacerdoti.

Voto: 

Spero comunque che questa mia recensione non vi abbia fuorviati troppo e, anzi, spero di avervi invogliati alla lettura di questo libro, soprattutto perché ho cercato di spoilerare il meno possibile e, quindi, se volete conoscere i particolari della storia, vi consiglio di leggerlo =D

Non perdete i prossimi post, perché ci sarà una sorpresa, ma non vi voglio anticipare nulla!

Buone letture,
Annette.

lunedì 20 ottobre 2014

Clock Rewinders 14-18/10

rubrica ideata da Amanda di On a Book Bender
e da Tara di 25 Hour Books,
ripresa in Italia da Matteo di Storie dentro storie
Nuovo appuntamento con Clock Rewinders, una specie di riassunto di ciò che è accaduto sul mio o su altri blog interessanti in questa settimana appena passata. Ho pensato di mantenere questa rubrica, perché mi piace e trovo sia un ottimo modo per riassumere e raggruppare i post e non solo qui ;)
Qualche volta la posterò la domenica, altre, come in questo caso, il lunedì mattina.

la scorsa settimana su Veiled Mirror
» Un post per cambiare un po'
» Il mio contributo al Social Book Day
» La tappa su VM del blog tour dedicato a Il Giardino degli Aranci di Ilaria Pasqua
» Segnalazione per l'uscita di Giocando a nascondino di Irene Vanni
» Post di partecipazione e intenzioni di lettura per la Wonderfully Wicked read-a-thon
» Segnalazione per il mio gruppo di lettura dedicato a Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde

la scorsa settimana nei blog librari
» Interessante post di Parole a colori con alcuni consigli su come diventare un lettore più veloce, ma senza dimenticare cosa sia veramente importante quando si legge

sto leggendo...
» 12 Inframondi di aa.vv
» The Selection di Kiera Cass 
» Buona Apocalisse a tutti! di Neil Gaiman e Terry Pratchett

new entry nella libreria
» Il Rosso e il Nero di Stendhal

aggiunti alla wishlist
---

citazione della settimana
Ripensò a Dan chiuso in quella grotta buia. Era stata Aria a volerlo? Sperò che il fratello non si trovasse più in quel luogo da solo. Non aveva neanche potuto parlarci. La felicità passò come una folata di vento e in modo apparentemente definitivo. Il dubbio non poteva essere cancellato dalla sua mente vigile e attenta. Uno come lui non poteva evitare l'evidenza.
Forse le cose non sono quelle che sembrano! Un'ombra di dubbio oscurò ogni buon sentimento.
da Il Giardino degli Aranci. Il Mondo di Nebbia

Penso e spero di non aver dimenticato nulla... ;)
Buone letture,
Annette.

sabato 18 ottobre 2014

{Gruppo di lettura} Il ritratto di Dorian Gray

Buongiorno e buon fine settimana a tutti!
Quest'oggi voglio segnalarvi un'iniziativa, un piccolo giochino a cui partecipo su aNobii.
Il titolo è Il gioco dei gdl, in pratica chi si iscriveva per primo e proponeva un libro per uno dei quattro generi:

- thriller/horror/giallo
- fantasy/fantascienza/distopico e similari
- classici
- romanzo storico/biografie 

Io sono arrivata per caso nel giochino e, siccome non mi dispiaceva come idea, ho pensato bene di partecipare e proporre un libro.
L'unica categoria rimasta era quella dei classici, inutile dire che subito mi è venuto in mente un libro che vorrei (ri)leggere da tempo (che poi era quello più in fondo nella pila dei libri che ho vicino al comodino =D).
Così è nato il gruppo di lettura su


Oscar Wilde è uno dei miei autori preferiti e questo libro è uno di quelli che ho letto/non letto, nel senso che l'ho iniziato tempo fa, ho superato la metà, ma, me tapina, non l'ho concluso.
Penso di averlo in lettura da quattro o cinque anni, quindi è arrivato il momento di riprenderlo in mano e finirlo, finalmente =D

Se volete partecipare al gruppo di lettura, vi consiglio di andare qui, che è il topic ufficiale in cui iscriversi.
L'inizio della lettura è previsto dopo il 25 ottobre.

Se volete partecipare e avete un blog, potete prelevare il banner qui sotto per pubblicizzare il gdl ;)

<a href="http://www.anobii.com/forum_thread?topicId=3266138" target="_blank"><img src="http://4.bp.blogspot.com/-eESzXdVxJU8/VEIkHt0nxzI/AAAAAAAACSY/ebFgrDtxiOw/s1600/gdldorian.jpg" border="0" alt="Gruppo di lettura Il ritratto di Dorian Gray" /></a>

Spero che la cosa vi interessi e che vogliate unirvi a me e alle altri partecipanti nella lettura di questo gran bel classico.

Buone letture,
Annette.

venerdì 17 ottobre 2014

Wonderfully Wicked Read-a-Thon

My Shelf Confessions

Navigando, navigando, qualche mese fa ho scoperto questa read-a-thon che parte oggi e che si concluderà il 27.
Ben dieci giorni di letture!

Siccome non mi pare ci siano limiti di genere e di libri per le letture, io ho pensato di dedicarmi a


Buona Apocalisse a tutti! l'ho già iniziato, ma "per colpa" de Il Mondo di Nebbia (Il Giardino degli Aranci #1) l'ho lasciato un po' da parte, ma è una delle letture che vorrei portare a termine in questa read-a-thon.
The Summoning e Deadly Heat erano presenti anche nell'altra read-a-thon a cui ho partecipato in settembre, ma non li ho letti, quindi ho pensato di provare a leggerli questa volta.

Questa volta ho deciso di mantenermi su numeri di libri più bassi, perché ho visto che con gli impegni vari riesco a leggere ben poco e quindi quattro libri mi sembrano più che sufficienti da suddividere in dieci giorni.

Se volete saperne di più sulla read-a-thon, potete cliccare sul banner in cima a questo post =)

Bene, mi sembra di avervi detto tutto, quindi vado a fare colazione.
Intanto vi auguro buona giornata e, come sempre, buone letture ;)
Annette.

giovedì 16 ottobre 2014

{Segnalazione} Giocando a nascondino

Buon pomeriggio, come sta passando questa giornata? ;)
Dopo il blog tour di stamattina, è giunto il momento di presentarvi un altro libro, la cui autrice mi ha gentilmente contattata qualche giorno fa.

Premetto che non è assolutamente il genere che leggo, quindi sarà una segnalazione semplice, senza commenti o altro a riguardo.

Il libro in questione è:

Autore: Irene Vanni
Data di pubblicazione: 14 ottobre 2014
Casa editrice: Delos Digital
Collana: Senza sfumature
Genere: Erotico
Pagine: 53
Prezzo: 1.99€
Quarta di copertina: Legata sin dall’infanzia al fratello acquisito Michael, Rossella porta con sé i ricordi di una storia tormentata e mai sbocciata, forse per orgoglio, forse per il capriccio di quel rocker bello e dannato che entra ed esce dalla sua vita prendendosi solo l’immediato. Un amore mai confessato che si è sempre e solo mascherato di sesso, lasciando dubbi e desideri. Ma forse, ora che sono cresciuti, è arrivato il momento di capire se è davvero quanto vuole anche lui...

L'autore: Irene Vanni è una scrittrice e giornalista, è curatore di Horror Magazine e ha scritto articoli e racconti per numerose riviste e antologie. Ha pubblicato con Delos Books il fantasy per ragazzi I musicanti degli elementi (2010), mentre nel 2013 è uscito il romanzo Come se fosse ieri (Fabbri Editori), storia dolceamara di tre ex compagne di scuola che, per mantenere una promessa, tornano a distanza di anni al concerto dei Duran Duran. Per la collana Senza Sfumature ha già pubblicato Tramonti sul lago, Vicini e lontani e Narciso o Cristantemo?. Il suo blog: irenevanni.blogspot.com

Buone letture,
Annette.

{BlogTour} Il Giardino degli Aranci

Buongiorno, cari svelatori di specchi!
Quest'oggi sono particolarmente pimpante perché vi presento la mia tappa per il blog tour dedicato a Il Giardino degli Aranci, la saga distopica di Ilaria Pasqua.


In occasione dell'uscita (il 17 di ottobre) della seconda parte della trilogia fantasy distopica Il Giardino degli Aranci, Nativi Digitali Edizioni promuove, insieme a ben 27 blogger, un blog tour con offerte speciali e Giveaway!

Dal 14 al 25 ottobre, i blog partecipanti presenteranno un contenuto originale tratto dal primo (Il Mondo di Nebbia) o dal secondo (Il Mondo del Bosco) libro della trilogia.
Non dimenticate di seguire l'evento su FB, perché lì potrete trovare tutti i link degli altri blog.

In questi giorni, poi, qui su VM troverete alcune cose:
» un estratto tratto dal primo libro
» la recensione al primo libro, Il Giardino degli Aranci - Il Mondo di Nebbia
» la recensione al secondo libro, Il Giardino degli Aranci - Il Mondo del Bosco.
Le due recensioni sono una mia idea per darvi un'idea complessiva di cosa ne ho pensato dei primi due volumi della saga e che spero vi facciano piacere, in quanto di più.

Ma di cosa tratta questa saga?
Titolo: Il Giardino degli Aranci - Il Mondo di Nebbia
Autore: Ilaria Pasqua
Data di pubblicazione: 14 maggio 2014
Casa editrice: Nativi Digitali Edizioni
Collana: NSF (Non Solo Fantasy)
Genere: Fantasy, Distopico
Prezzo: Gratuito fino a oggi, da domani fino al 25 ottobre disponibile a 0.99€
Quarta di copertina: Il Mondo di Nebbia, dove Aria e il fidato amico Henry vivono e frequentano un liceo come tanti altri ragazzi, nasconde dei segreti inquietanti, come incubi che prendono forma e sono in qualche modo collegati ai Cinque Sacerdoti, misteriosi individui che controllano la città. Aria non è però una ragazza come tutte le altre: in quel mondo ha la sensazione di "girare a vuoto", e dentro di sé sospetta che dietro ai suoi incubi ci siano verità dimenticate... sarà l'incontro con Will, che come lei sembra frustrato e insoddisfatto da quella realtà, a rivelarle che tutto quello in cui credeva prima è nient'altro che un'illusione. Qual è la verità dietro quel mondo? Chi sono i Cinque? E in che modo Aria ha il potere di cambiare tutto?

Titolo: Il Giardino degli Aranci - Il Mondo del Bosco
Autore: Ilaria Pasqua
Data di pubblicazione: 17 ottobre 2014
Casa editrice: Nativi Digitali Edizioni
Collana: NSF (Non Solo Fantasy)
Genere: Fantasy, Distopico
Prezzo: 2.99€
Quarta di copertina: Dopo il Mondo di Nebbia, una nuova dimensione attende Aria, Will e Henry, in cerca di nuovi indizi sulla chiave in grado di riportarli alla loro realtà. Il Mondo del Bosco però non è dei più ospitali: ci sono due schieramenti che continuano a farsi guerra senza un motivo apparente, e la società sembra del tutto arretrata, le donne non hanno potere e sono sottomesse agli uomini, spesso violenti e brutali. Non proprio il posto ideale per una come Aria, che proverà a modo suo a cambiare le cose. Ma, con il passare dei giorni, non sarà invece proprio quel mondo a cambiare i ragazzi?
Nel mentre, Lucas e Wade arrivano nel Mondo di Nebbia alla ricerca dei loro figli, imbattendosi nei Cinque Sacerdoti, che sembrano avere un conto in sospeso proprio con Lucas...
Secondo capitolo della trilogia distopica di Ilaria Pasqua Il Giardino degli Aranci, Il Mondo del Bosco fa luce su alcuni dei misteri irrisolti (qual è l'origine dei Cinque? Come si creano i mondi, e in cosa consiste il "patto"?) senza dimenticare però i personaggi alla base della storia: Aria, Will e Henry, tre ragazzi costretti a una missione sempre più pericolosa e sempre più lontani da quei giorni pacifici dove vivevano in armonia; quei giorni potranno mai tornare?

Il contenuto speciale che vi propongo, come già detto, è tratto dal primo libro e vede per protagonisti Aria e Will, ovvero due dei personaggi principali de Il Mondo di Nebbia:

“La mattina mi liberavo degli incubi, provando sollievo e repulsione insieme”. Prese fiato ed emise un suono gutturale come se avesse bisogno di bere un grosso sorso d’acqua. “Da quel giorno i miei incubi iniziarono a diventare, prima sensibilmente poi con più forza, diversi. Mio padre mi avvertiva che dovevo andare via, trovare la strada, ma non riuscivo a capire”.
Aria spalancò gli occhi e Will si accorse subito del suo stupore.
“Successo anche a te, non è così?” chiese subito il ragazzo con un accenno di soddisfazione nella voce, forse più simile a un sollievo.
“Sì. Ne sono quasi certa” rispose subito lei avvicinandosi.
“Inizia così. Arrivano dei segnali che sono solo nostri. Nessuno può fabbricare incubi, è solo l’inconscio che lo fa; siamo noi stessi, sono le nostre inquietudini, i ricordi, le esperienze che abbiamo vissuto: quelle nessuno può cancellarle, ci appartengono” disse guardandosi le mani.
“Ci appartengono” ripeté Aria riflettendo. “Si possono cancellare i ricordi, forse, ma ciò che abbiamo vissuto ritorna sempre a tormentarci, in una forma o nell’altra” disse senza farci caso.
“È così. Gli incubi qui sono questo”.
“E sono potenti” sussurrò Aria.

Posso dire che la questione degli incubi mi ha intrigata fin da subito ed è uno dei motivi per cui la lettura di questa saga mi ha presa particolarmente.
Non vorrei anticipare troppo quello che scriverò nella recensione, quindi me ne sto buona buona e non vi tedio oltre, ma passo subito alla questione che molti di voi reputeranno più importante e urgente: il giveaway!

In occasione del blog tour, Nativi Digitali mette a disposizione sette copie a scelta dei propri ebook, in formato epub, pdf o mobi, a discrezione dell'autore! I sette vincitori saranno contattati al termine del giveaway, il 25 ottobre.
Partecipare è semplicissimo: i punti si ricevono mettendo “mi piace” alle pagine Facebook o seguendo profili Twitter indicati; ogni punto aumenta le probabilità di vincere il premio, con estrazione casuale tramite l'app Rafflecopter!

a Rafflecopter giveaway

E prima di lasciarvi, vi segnalo alcuni link che vi possono essere utili per scoprire qualcosa in più sulla saga ;)
» Sito dell'autrice Ilaria Pasqua (dove trovate un estratto gratuito di entrambi i libri)

Buone letture e buona fortuna a tutti,
Annette.

mercoledì 15 ottobre 2014

Social Book Day 2014


Ho scoperto questa iniziativa di Libreriamo per puro caso ieri e ho pensato che, avendo un blog letterario, avrei potuto partecipare, soprattutto per diffondere la cultura e la buona e sana abitudine alla lettura.

Per partecipare all'iniziativa basta seguire questa regola:
Basta twittare o pubblicare su Facebook e su tutte le altre piattaforme una frase personale, un pensiero, una citazione del proprio autore preferito, un claim a sostegno della lettura e dei libri e in cui sia sempre presente l’hashtag #socialbookday.

Ho pensato di postare qui (e poi diffonderò su FB e su Twitter) una citazione di un autore che mi sta a cuore.
Voi sapete che adoro molti autori e fare una scelta per quanto riguarda una citazione è molto difficile, ma ce n'è una che mi piace tantissimo e che trovo rappresenti al meglio il mio ideale di lettura.

Non credo nella magia di cui parlano i miei libri.
Ma credo che accada qualcosa di magico quando leggi un buon libro. 
(J.K. Rowling)

J.K. Rowling per me è un esempio, ho adorato i suoi libri e Harry Potter è stata la saga che mi ha riavvicinata alla lettura, per non parlare del fatto che ho iniziato a scrivere fanfiction e racconti proprio usando i suoi personaggi.
La citazione qui sopra mi ha colpita, stupita e fatta riflettere (soprattutto la prima parte); mi trova concorde nella seconda parte, perché è proprio vero che quando inizi un buon libro accade qualcosa di magico. Quando si legge è come se si venisse colpiti da tanti colpi di fulmine e più si leggono buoni libri, più ci sono possibilità di innamorarsi e di venire ricambiati, visto che, alla fine dei conti, i libri non ti lasciano mai. È per questo che spesso mi sento molto Hermione =D

Spero di non avervi annoiati e partecipate anche voi a questa iniziativa!

Buone letture,
Annette.

martedì 14 ottobre 2014

Teaser Tuesdays 14/10

iniziativa ideata da MizB di Should be Reading

Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata a un frammento del libro che sto leggendo in questi giorni.
Le regole sono molto semplici e intuitive:
1) Prendi il libro che stai leggendo;
2) Aprilo in un punto a caso;
3) Trascrivi un breve pezzo da quella pagina, facendo attenzione a non scrivere spoilers;
4) Riporta titolo e autore del libro citato.
Ecco qui il Teaser di questa settimana:

Agli occhi di un estraneo quel gruppo misto di persone, sarebbe potuto apparire come dei condannati scortati all'inferno da spettri maligni. Infatti, gli incubi erano subdoli, ti seguivano, silenziosamente, strisciando nell'ombra, erano come una catena sottile che ti legava al tuo inconscio, a una parte buia della tua mente a cui non potevi accedere, e che però eri costretto a portarti dietro. E ancora peggio, a mostrarla al prossimo.

Capitolo 1, Il Giardino degli Aranci - Il mondo di nebbia, Ilaria Pasqua.

Qual è il vostro teaser di questa settimana?
Annette.